cose da fare a lecce

Le 10 cose da fare a Lecce

Città d’arte di epoca romana, medievale, rinascimentale ma, principalmente, Barocca. Lecce è amata anche per la sua cucina, l’ospitalità e un mare mozzafiato nei dintorni. Ci siete mai stati? In questo caso oppure se non avete avuto molto tempo per dedicarvi alla scoperta della città, ecco le 10 cose da fare a Lecce.

1) Centro storico

Abbiamo già detto che lo stile predominante in città è il barocco. E ce ne sono molti esempi che si scoprono mentre si passeggia per il centro. Ne restano tangibili testimonianze nelle chiese, nei monumenti e nei portali, così come nelle abitazioni più antiche. Dal centro partono alcune delle più importanti vie che conducono a palazzi e graziose botteghe artigianali. Qui si lavora la pietra leccese e la cartapesta. Per un’immersione nel verde, il parco della Villa Comunale ha un fascino particolare. Un tempo era chiamata “Villa della Lupa” perchè c’era una gabbia in cui erano rinchiusi dei lupi. Gli stessi che sono rappresentati nello stemma della città chiamata Lupiae dai Romani.

2) Una visita al Castello di Carlo V tra le cose da fare a Lecce

Il castello risale al 1539 e fu voluto dal re principalmente per difesa, infatti divenne una gran fortezza militare resistente agli attacchi dei turchi. Oggi conserva delle sale utilizzate per convegni, mostre, eventi culturali e altro ancora.

3) Piazza Sant’Oronzo e Piazza del Duomo

Nonostante il rinnovamento cittadino e dei pubblici esercizi, Piazza Sant’Oronzo conserva ancora la sua storicità. Questo grazie anche alla statua del santo costruita per benedire la città, oltre agli edifici storici e alla pavimentazione a mosaico che raffigura lo stemma del paese. Il Duomo è molto sfarzoso: è decorato da molte statue e dai preziosi dodici altari. Inoltre il campanile svetta con i suoi 5 piani e la cupola dove spunta la statua di Sant’Oronzo. Da vedere anche il Palazzo Vescovile e il Seminario.

4) Una delle cose da fare a Lecce è visitare l’Anfiteatro Romano

Stiamo parlando di un importantissimo pezzo storico di questa splendida città. Risale al II secolo d.C. ed è un luogo romano costruito ai fini di intrattenere con giochi e spettacoli. Poteva ospitare intorno alle 20.000 persone. Ma, purtroppo, a seguito di vari terremoti la struttura rimanente non si presenta completa com’era un tempo.

5) I musei di Lecce

Il Museo provinciale Sigismondo Castromediano prende il nome dal duca omonimo e risale al 1868. È il più antico di tutta la Puglia e conserva reperti di vario genere. Ospita inoltre una biblioteca e una pinacoteca ed è interamente gratuito. Il Museo Faggiano ha una storia interessante. E’ diventato museo solo dopo che sono stati trovati dei reperti, a seguito della rottura della pavimentazione. Senza quei lavori di manutenzione, non sarebbero state trovate una piccola tomba di un bimbo e un’altra più grande. L’edificio, un tempo, era un convento di suore.

6) Tra le cose da vedere a Lecce anche la Basilica di Santa Croce

È una tappa assolutamente imperdibile. È uno dei monumenti più prestigiosi del patrimonio artistico cittadino. Ed è un esempio eccellente del barocco leccese. Dal rosone romanico alle colonne corinzie, le decorazioni e gli affreschi sono stati studiati per raggiungere un’armonia notevole.

7) Convitto Palmieri

Un grandioso di restauro ha interessato il Convitto qualche anno fa. Quindi ha ripreso vita un’autentica bellezza del leccese con le sue magnifiche sale lettura multimediali. Oltre a una serie di cortili e al grande giardino. Un centro culturale da ammirare con gli occhi e che conquista il cuore.

8) Le cose da vedere a Lecce sono anche nelle chiese

Questa spettacolare città ospita almeno quaranta chiese. Una delle più antiche è dedicata ai Santi Nicolò e Cataldo. Risale all’epoca medievale ed è stata edificata per volere dell’ultimo re dei Normanni. Conserva molti tratti originari ma, con la ristrutturazione del 1716 acquista anche tocchi barocchi. La chiesa di San Matteo conserva altari ricchi di decori affascinanti che resteranno nel ricordo di chi li ha visti. La chiesa dell’antica patrona di Lecce, Sant’Irene, riporta una statua della santa e lo stemma del paese sull’alto frontone. Si trova proprio nel cuore della città.

9) La gastronomia leccese offre delle cose da vedere, ma anche da gustare, a Lecce

Ogni parte d’Italia ha una spiccata tradizione culinaria e quindi anche Lecce possiede piatti tipici unici al mondo. Tra gli ingredienti ci sono le spezie più classiche dell’area mediterranea come salvia, rosmarino, origano ecc. Nei menù troviamo un’ampia varietà di verdure, legumi, frutti della terra e del mare. Celebre e squisito il pane di grano duro chiamato Puccia che può anche essere farcito oppure preparato con olive unite all’impasto. Un altro tipo di pane è il rustico leccese con ripieno di mozzarella, besciamella, pomodoro, pepe e noce moscata. Tra i dolci spiccano il pasticciotto leccese e tutti i dolci a base di pasta di mandorle.

10) Indimenticabili le spiagge leccesi

Lecce è sicuramente un ottimo punto di partenza per raggiungere le cosiddette “Maldive del Salento”. Sono una delle mete turistiche estive più frequentate d’Italia. Per questo, anche se molto affollate soprattutto in agosto, sono da vivere durante una vacanza. Lecce, a metà strada tra Mar Adriatico e Mar Ionio, offre delle escursioni in barca laddove i due mari si incontrano. E si nota bene la differenza del mare, in densità e colori, un autentico spettacolo per gli occhi. Tra le spiagge più frequentate: Porto San Cesareo, Punta Prosciutto, Baia Verde, Gallipoli, Torre dell’Orso e altre da scoprire durante il vostro soggiorno.