come divertirsi a Venezia

Come divertirsi a Venezia: l’importante è esserci!

Avete deciso di visitare Venezia? Pensate a come divertirsi a Venezia? Accostatevi a Lei con rispetto. Oltre ad essere tutelata dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, vanta una ricchissima storia di fasti e potere. La Repubblica di Venezia, la “Serenissima”, era regina dei mari e delle terre intorno al mar Adriatico e Mediterraneo fino a raggiungere l’Oriente. Ben 1100 anni di governo!

Venezia non è un parco giochi e noi vi illustriamo come divertirsi a Venezia

Perciò, anche se vi sembra impossibile che si possa vivere in un ambiente così insolito, non lasciatevi ingannare. Venezia non è Gardaland, non è un’attrazione turistica costruita a scopi commerciali. E anche se il turismo è diventata la sua vocazione primaria, ci sono consuetudini, usi e costumi. Tradizioni che derivano da una nobile storia e regolano la quotidianità degli abitanti.
Il veneziano ha una pazienza infinita, abituato com’è ad essere invaso da orde di gente di ogni genere e censo. E, in fondo, il turista “porta schèi”, perciò va tollerato e assecondato. Sappiate però che il veneziano non ha nessun complesso d’inferiorità o senso di sudditanza! Ama i turisti ma è pronto sempre a difendere la propria città da chi non ne ha rispetto.

Primi suggerimenti su come divertirsi a Venezia

Va bene, dopo la debita premessa, dobbiamo capire come divertirsi a Venezia. Innanzitutto, per una volta, lasciate perdere i vaporetti. Venezia si visita a piedi, con scarpe comode e buona volontà, il vostro cuore vi ringrazierà. Ah, se ci capitate in primavera o tardo autunno, vedete di procurarvi un paio di stivali in gomma. Altrimenti, in caso di acqua alta potreste vedervi costretti a pagarli come un paio di scarpe di Gucci! E per favore, non ammassatevi con tutti gli altri turisti a Rialto e San Marco, giusto dare un’occhiata. Immergetevi piuttosto nelle calli più nascoste. Non esiste uno scorcio che non meriti di essere ammirato e il peggio che vi possa capitare è di trovarvi in un campiello chiuso. Poco male, tornate sui vostri passi e tentate un altro percorso.

Cosa fare, cosa vedere e come divertirsi

Come divertirsi a Venezia: cosa vedere? Abbiamo nominato i due punti di maggior richiamo turistico. Partiamo da Rialto, il ponte più antico, della fine del 1500, costruito su oltre 12000 pali di legno. Merita la vista sul Canal Grande e degno di nota è il florido mercato del pesce che si svolge nelle immediate vicinanze.  Piazza San Marco, il salotto dei veneziani, dominato dalla Basilica di San Marco e dal “Paròn de casa”, il Campanile. E non dimenticate la Biblioteca Nazionale Marciana e di fronte l’Isola di San Giorgio Maggiore con la sua Basilica. Come divertirsi a Venezia senza una capatina al museo? Allora da non perdere la Collezione Peggy Guggenheim. E’ il museo d’arte della prima metà del secolo scorso. Poi c’è la bellissima Ca’ Rezzonico, vero e proprio museo della Venezia del diciottesimo secolo. E come dimenticare Ca’ Pesaro, il museo d’arte moderna della città con l’ultimo piano dedicato al Museo d’Arte orientale. Infine il Museo di Storia Naturale, che non è tipicamente veneziano, ma merita per la collezione di fossili e oltre 50 specie animali.

Musica, arte, sospiri e baci

E se siete instancabili e non volete perdervi proprio nulla, esiste sempre il vecchio infallibile metodo per divertirsi a Venezia: incollatevi ad un gruppo di turisti giapponesi…non rimarrete delusi! E poi c’è la musica. Il Palazzo Barbarigo Minotto ospita Musica a Palazzo, dove imparare di più sull’Opera e che siate appassionati o meno di musica classica dedicatevi una pausa con l’orchestra degli Interpreti Veneziani.
Non mancate di andare a salutare Tiziano nella Basilica di Santa Maria dei Frari dov’è sepolto in compagnia di capolavori rinascimentali. E non dimenticate il Tintoretto alla sua Scuola Grande di San Rocco. E, per i romantici, la chiesa più ambita per i matrimoni, Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, “lo scrigno dei gioielli”. Poi il Ponte dei Sospiri, che collegava i Piombi, le prigioni, con la stanza degli interrogatori. Quindi i sospiri non erano quelli degli innamorati, ma dei condannati a morte che raggiungevano il luogo dell’esecuzione. Se non volete farvi mancare proprio niente, onorate il nuovo rito. Dovete baciare la vostra dolce metà mentre suonano le campane di San Marco per assicurarvi eterno amore!

Il giro in gondola e le isole

E, se siete passati sotto il ponte, vuol dire che avete deciso di concedervi un Giro in gondola. Poiché siamo in vena di romanticismo meglio al crepuscolo. Una bella voce tenorile vi dedicherà melodiose serenate immersi nella magia dei paesaggi veneziani. Avete presente quel film con Alberto Sordi gondoliere “Casanova”? Ecco, quella è l’atmosfera! E come divertirsi a Venezia senza un giretto tra le isole della laguna? L’Isola di Torcello su cui si trova la più antica chiesa bizantina di Venezia, suggestiva al tramonto. Ma non perdetevi Burano con le sue case colorate ed i suoi merletti. E poi Murano: andate ad ammirare i maestri vetrai nelle fornaci, soprattutto se avete bambini con voi.

Eventi e festival: come divertirsi a Venezia

Importanti eventi caratterizzano questa particolare città. Come il Carnevale, che si apre con il volo dell’angelo il sabato precedente il giovedì grasso. E termina il martedì grasso. Undici giorni di sfilate, concerti, manifestazioni in cui l’intera città si trasforma in un teatro a cielo aperto. Le maschere passeggiano sole o in gruppi a tema, concedendosi “nobilmente” agli obiettivi dei fotografi. Anzi, saranno esse stesse ispiratrici di pose e inquadrature adatte! Sì, perché a Venezia la maschera perde quel significato di burla e travestimento assumendo quello di costume. Il ‘700 va per la maggiore, più o meno rivisitato, ma non mancano spunti originali ed avveniristici. I veneziani vanno pazzi per il carnevale e son felici di sfoggiare le loro “mises” che impegnano nei preparativi intere famiglie durante tutto l’anno.

La Mostra del Cinema di Venezia

La Mostra del Cinema, da fine agosto a metà settembre, si svolge al Lido. E accoglie star internazionali e starlette in cerca di visibilità. Oltre ovviamente alla rassegna cinematografica cui si può assistere. Una menzione speciale va dedicata alla Regata Storica, la prima domenica di settembre. Questa è una specie di palio dei veneziani. Perché, oltre al corteo d’imbarcazioni storiche con figuranti in costume, vi sono le gare delle associazioni remiere di voga alla veneta. I pupparini dei giovanissimi, le mascarete a due remi delle signore, le caorline a sei remi e i gondolini a due remi degli uomini. La festa però parte dai giorni precedenti. La Regata infatti porta con sé mostre, eventi e party già dalle ultime settimane di agosto. Per non parlare della benedizione dei gondolini. La Festa del Redentore, la terza domenica di luglio è tra le festività più sentite dai veneziani. L’aspetto religioso convive con quello spettacolare. E l’intero weekend si anima con un calendario ricco di eventi culminanti nel fantasmagorico spettacolo pirotecnico. I fuochi d’artificio, la notte, concludiono la festa. E animano di mille colori l’inimitabile palcoscenico del Bacino di San Marco,

Come divertirsi a Venezia di sera

Diciamolo subito: la vita notturna a Venezia è ben lontana dalla movida di Rimini o Milano. Qui niente discoteche, ma piuttosto disco bar, pub e cocktail bar, dove ci si ritrova la sera per bere qualche drink e ascoltare musica dal vivo.
Verso le 18.00 inizia la serata veneziana con l’immancabile rito dell’aperitivo nei bar o nelle osterie. E ci si gusta del buon vino oppure un Bellini senza farsi mancare lo “ spritz”. Una tradizione tutta veneta che consiste in vino bianco, Campari o Aperol, seltz e fettina o scorza d’arancia.
Il bello è andare a fare il giro dei bacari, tipiche osterie dove ai drink s’aggiungono i “cicchetti”. Si tratta di bocconcini sfiziosi, piccole porzioni di panini, polpette, assaggi di frutti di mare. E varie pietanze, locali e non, sempre più spesso rielaborati per soddisfare i palati gourmet.
Per citarne qualcuno:il Paradiso PerdutoOsteria Ai Promessi Sposi, l’Enoteca al Volto. E per un buon fritto misto di pesce, gamberi e calamari, servito in un cono di carta fate tappa da Aqua&Mais.

Venezia dopo l’aperitivo

Dopo l’aperitivo, la serata continua negli innumerevoli bar sparsi per il centro di Venezia. Se proprio volete trascorrere la notte in una discoteca, durante la stagione estiva recatevi verso il Lido di Venezia. Qui ci sono alcuni beach club sulla spiaggia, tra cui Aurora Beach Club ed il Pachuka. Un locale che, da rilassato ristorante sulla spiaggia durante il giorno, si trasforma in una discoteca con musica dal vivo e dj set la sera.

I quartieri di Venezia e la vita notturna

Nel centro storico di Venezia la vita notturna si concentra in tre zone. L’area di Erbaria, vicino a Rialto e al mercato del pesce, ricca di bar. Qui si tira tardi mangiando qualcosa, bevendo drink e “ciacolando” all’aperto tra turisti e locali. A Cannaregio, Fondamenta Misericordia propone enoteche e ristoranti frequentati perlopiù da gente del posto. I locali sono generalmente piccoli. E’ meglio prenotare onde evitare code infinite già da fuori. Oppure sedetevi all’aperto a guardare le barche che passano. Campo Santa Margherita, un’istituzione per la vita notturna veneziana, molto popolare tra i giovani. Si trova a pochi minuti da Piazzale Roma e vicino all’università Ca’Foscari e IUAV architettura. C’è un’alta concentrazione di bar e bacari dove si beve e si mangia spendendo poco e ascoltando musica dal vivo, è il paradiso di giovani universitari e non. Piazza San Marco piace a chi ama la Venezia tradizionale e romantica. Qui potete sedervi ai tavoli dei caffè storici, allineati intorno alla piazza. E gustarvi un tipico aperitivo veneziano, accompagnato dalle note della musica classica.

Musica e teatro

A proposito di musica classica, gli amanti non rimarranno delusi. La città offre numerosi concerti di musica classica e opera in palazzi e chiese, eseguiti da importanti gruppi musicali. Come Musici Veneziani e Virtuosi di Venezia. Ma anche  musica jazz presso il Venice Jazz Club, piccolo locale nei pressi di Campo Santa Margherita che attrae appassionati di jazz da tutto il mondo. E per gli appassionati di teatro, val la pena di assistere ad un’opera teatrale o lirica. Oppure a un balletto nel famoso  Teatro La Fenice o al Teatro Malibran o al Goldoni.

Gioco, perchè no?

Come divertirsi a Venezia? Avete voglia di una serata diversa, aristocratica ed elegante? Perché non decidere di passare la serata al Casinò di Venezia? Situato nel Palazzo Vendramin Calergi, è un luogo affascinante, residenza di dogi ed ultima dimora di Richard Wagner, una perla sul Canal Grande, fondato nel 1638 e riconosciuto come la casa da gioco più antica al mondo. Che dire? Buon divertimento!