milano marittima

Cosa fare a Milano Marittima

La frequentatissima frazione di Cervia, è una delle località più belle ed esclusive della Riviera Romagnola. Quindi cosa fare a Milano Marittima? La Riviera Romagnola nella sua estensione totale vanta quasi cento chilometri di costa. E, di spiaggia in spiaggia, offre al villeggiante una grande variabilità paesaggistica caratterizzata dalla ricchezza del suo territorio. Ricchezza amata e cantata anche dal Pascoli nelle sue poesie (l’autore era originario di San Mauro di Romagna).

Gli stabilimenti balneari già danno un’idea su cosa fare a Milano Marittima

I suoi stabilimenti balneari, affacciati sul mare, sono attrezzatissimi per ogni tipo di esigenza. Rappresentano cioè una mèta turistica d’eccezione. Sia per i vacanzieri estivi amanti della tintarella, che per le famiglie con i bambini. E anche per chi ci va in comitiva con gli amici.

Giochi da spiaggia

Per coloro che non possono rinunciare all’attività fisica nemmeno in vacanza è possibile praticare windsurf, sci nautico. Oppure accedere ai molti campi di beach volley. Le belle spiagge bianche di Milano Marittima offrono inoltre animazioni sia per grandi che per piccini. Come giochi dentro e fuori dall’acqua tra tuffi, aerobica e ginnastica dolce. Non manca mai un sottofondo musicale, discreto ma presente, che accompagnal’intero soggiorno diffondendosi dai vari bar. Gli stessi locali che vi coccoleranno sotto il solleone estivo con frullati, granite e sfiziosi stuzzichini. E che permetteranno ai più romantici di concludere le giornate con un piacevole aperitivo sulla spiaggia, ammirando il tramonto e godendosi il suono delle onde sulla battigia.

Artigianato serale

Dopo cena potrete passeggiare lungo il vialetto urbano degli artisti. Area pedonale dedicata all’esposizione di prodotti artigianali locali, pittorici, scultorei, decorativi. Come piccoli gioielli, ceramiche, o creazioni etniche. In questa atmosfera rilassata, se lo vorrete, potrete acquistare qualche articolo per ricordare la vostra vacanza in riviera.

Divertirsi è d’obbligo, pensando a cosa fare a Milano Marittima

Milano Marittima è conosciuta come una delle località balneari più mondane della costa. Famosa per le sue discoteche, i locali notturni, le feste in spiaggia, i concerti, i party in piscina e i club esclusivi. Per i più festaioli l’intrattenimento è garantito fino a notte fonda. Per i più piccoli il divertimento sarà invece garantito nel parco acquatico di Mirabilandia. Le sue innumerevoli attrazioni tra cascate, laghi, scivoli, piscine e incredibili giostre, regalano giornate indimenticabili.

La pineta secolare

Per gli amanti della natura sarà piacevolissimo immergersi nello splendido Parco Naturale per una passeggiata, una corsetta rigenerante, o un bel giro in bici all’ombra di questi pini secolari che vi proteggeranno con la loro imponenza nelle giornate più assolate.

All’interno del parco potrete visitare la Casa delle Farfalle. Si tratta di una enorme serra climatizzata, di circa 500 metri quadri, ospitante centinaia di coloratissime farfalle provenienti da Africa, Asia, America e Australia. Il loro volo leggero si posa tra fiori tropicali, piante sempreverdi, cactus, ficus, banani e, altrettanto variopinti, pappagalli. Accanto alla serra potrete stupirvi visitando La Casa degli Insetti. E’ un padiglione interamente dedicato al mondo di api, locuste, coleotteri e altri stravaganti insetti da tutto il mondo.

La riserva naturale

La pineta secolare, area dichiarata Riserva Naturale, è attraversata da numerosi canali e sentieri, ed è il percorso meno trafficato per raggiungere direttamente le terme di Cervia. Presso le terme potrete beneficiare di trattamenti rilassanti mirati, massaggi, ma anche cure inalatorie e fanghi, per i quali vengono utilizzati i prodotti provenienti dalle vicine saline.

La salina di Milano Marittima

Una delle attrazioni più tipiche di Milano Marittima è la sua salina che ha ripreso l’attività nel 2003. Produce un sale integrale non sbiancato chimicamente che è diventato famoso in tutto il mondo. Se volete assistere alla sua raccolta sappiate che avviene nel mese di agosto. Storicamente Cervia basava tutta la sua economia sul commercio del sale. Un tempo si trattava dell’unico alleato per la conservazione dei cibi. Questo prodotto è chiamato “sale dolce” poiché i suoi processi naturali di produzione lo rendono meno sapido rispetto al sale tradizionale. La salina è visitabile insieme ai suoi affascinanti fenicotteri rosa (che assumono questa tonalità nutrendosi di gamberetti, lo sapevate?). il Museo del Sale invece è ricavato in una torre medioevale in prossimità del porto. I prodotti al sale dolce di Cervia sono una buona idea di souvenir da portare con voi al rientro dalla villeggiatura. Potrete acquistare la mattonella al Sale di Cervia, i biscotti, il cioccolato, i formaggi, ma anche la birra e il prosciutto crudo dolce.

Il porto

Tra le varie cose da fare a Milano Marittima, città di mare, potrete dedicarvi a una passeggiata al porto. Qui si ammirano le imbarcazioni più pittoresche e antiche. Ma non solo: si osservano i veri lupi di mare sbrogliare le loro reti al ritorno dalla pesca. Inalerete il profumo del pesce fresco, proveniente dei banchi del mercato. E poi potete anche accostarvi al suono caldo del dialetto locale e visitare gli edifici più antichi della zona vecchia di Borgo Marina.

L’entroterra Ravennate

Forse non tutti sanno che questa provincia italiana divenne, nel 402 D.C., la capitale dell’Impero Romano d’Occidente (Roma Caput Mundi). Questo successe per la sua invidiabile posizione strategica. Inoltre, proprio a Ravenna, fu deposto l’ultimo imperatore nel 476 D.C. decretando la caduta dell’Impero Romano d’Occidente. Diversa la sorte di quello d’Oriente, presso Bisanzio, che sopravvisse per quasi altri mille anni. Questo è il motivo per cui il mausoleo di Sant’Apollinare in Classe (detto di Galla Placidia che ne fu la committente) è considerato uno dei più grandi capolavori dell’arte bizantina paleocristiana. Al punto di divenire Patrimonio dell’Unesco nel 1996, e motivo per cui Ravenna è chiamata “la città dei mosaici”. Ieratiche (immobili ed inespressive) sono le figure rappresentate nel ciclo di mosaici più antichi della città. Con il loro caratteristico sfondo in oro, testimoniano un passaggio significativo della storia geopolitica e artistica del nostro paese. Gustav Jung visitò questo mausoleo in ben due occasioni, a distanza di vent’anni. Nel suo conosciutissimo Libro Rosso ne parla con entusiasmo e commozione.

La visita alla Basilica di San Vitale

Ora che avete dedicato il tempo che meritano ai mosaici di San’Apollinare in Classe, non vi resta che far visita alla Basilica di San Vitale, che si trova lì a due passi, e poi terminare l’immersione ravennate con un giro in città ed un’occhiata alle vetrine. Troverete esposti i prodotti tipici del luogo tra i quali, oltre a quelli a base di sale dolce di cui abbiamo già parlato, c’è la pasta fresca. A iniziare da tagliatelle, cappelletti, passatelli e strozzapreti. E inoltre la rinomata piadina Romagnola, ma anche il vino come il Sangiovese, il Trebbiano e l’Albana.

E cosa fare a Milano Marittima d’inverno?

Durante le festività invernali, nel centro storico di Cervia, viene allestito un grande villaggio del Natale. Ci si scatta i selfie sotto l’enorme albero addobbato, ci si diverte nella pista di pattinaggio, ma anche scendendo dall’enorme scivolo di ghiaccio alto 50 metri. I bimbi inoltre posssono visitare la casa di Babbo Natale e il villaggio degli elfi. Mercatini e bancarelle d’ogni genere spuntano lungo le strade e nella piazza principale. Nelle casette di legno si vendono cicchetti, del buon vino, e ovviamente la cioccolata calda. Poi si sa… il mare d’inverno è un gioco d’impronte sulla sabbia che val la pena d’aver lasciato, stringendosi nei cappotti e tenendosi per mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *