10 cose da fare a trento

10 cose da fare a Trento

Splendida città romana e porta di accesso alle bellezze del Trentino, l’antica Tridentum è un’ottima meta per gli amanti della montagna e degli sport invernali. E per deliziare vista e palato ai famosi mercatini di Natale e per un viaggio nel passato attraverso la storia dei numerosi castelli e siti archeologici.
La città è facilmente visitabile anche con i mezzi pubblici.
La Trento-Rovereto Card permette di utilizzare i trasporti ma anche di usufruire di offerte vantaggiose per visitare musei, partecipare a mostre ed eventi, degustazioni e molto altro ancora! Cosa aspetti? Immergiti in questa
perla del nord Italia e scopri con noi 10 cose da fare a Trento!

1: la visita al Duomo di San Virgilio

Tappa obbligatoria è il Duomo di S. Vigilio che ospitò, durante il XVI secolo, il famoso Concilio di Trento. Edificio complesso ed architettonicamente armonioso, grazie alla presenza di elementi gotici e barocchi è dedicato al patrono della città e si affaccia sulla piazza principale.

2: 10 cose da fare a Trento? C’è anche il Palazzo Pretorio

Il Palazzo Pretorio si erge maestoso sull’omonima piazza. Risale al XIII° secolo, cambiò numerose volte la sua destinazione d’uso, passando da prigione, a tribunale, sede del Comune e dei vescovi. In posizione dominante rispetto al centro della città, ospita oggi il tesoro della Cattedrale e il Museo Diocesano Tridentino. Le opere d’arte narrano le vicissitudini del Concilio di Trento. Inoltre sotto le fondamenta del palazzo è possibile ammirare l’area archeologica romana.

3: 156 scalini che portano alla cima della Torre Civica

Per gli sportivi e i più temerari, i 156 scalini che portano sulla cima della Torre Civica, a lato del Palazzo Pretorio, permettono di godere di un panorama mozzafiato sulla città e sulle montagne trentine. La Torre custodisce la campana della Renga, un tempo utilizzata per annunciare le condanne a morte che si eseguivano nella piazza del Duomo. Oggi viene considerata uno dei simboli della città, grazie al grande orologio che ne scandisce il tempo.

4: una visita al Castello del Buonconsiglio

Per gli amanti delle fortezze, il Castello del Buonconsiglio costituisce un vero e proprio museo che ospita dipinti, manufatti, sculture ed opere d’arte dalla preistoria ad oggi.
Merita una visita lo splendido borgo medievale con il Mastio di Castelvecchio e la Loggia Veneziana, da cui si può godere di uno splendido panorama. La Torre Aquila è nota per le pareti interne affrescate con il Ciclo dei Mesi. Quest’opera, risalente alla fine del XIV° secolo rappresenta
alcune scene della vita quotidiana dei contadini in Trentino durante il XIV° secolo.

5: Anche il monumento a Dante tra le 10 cose da fare a Trento

Il monumento a Dante è un’espressione curiosa del celebre poeta fiorentino. Sì poiché incrocia due questioni fondamentali: il trilinguismo della regione e la dialettica accesa tra i fautori dell’italianità del territorio e i fedeli dell’Impero austro-ungarico. Voluto da Guglielmo Ranzi, irredentista di Trento, tale monumento venne costruito a seguito della fondazione, nel 1886, della società “Pro Patria”. Scopo della società era promuovere l’istituzione di scuole italiane entro i confini dell’impero austro-ungarico. L’opera però, venne costruita dall’artista fiorentino Cesare Zocchi solo nel 1896. La scultura raffigura Dante col braccio destro proteso verso le Alpi mentre poggia su un’imponente base. Qui sono scolpiti diversi personaggi della Divina Commedia. Sul piedistallo, la famosa epigrafe di Ranzi che riporta “Inchiniamoci Italiani. Inchinatevi Stranieri. Deh! Rialziamoci Affratellati nella giustizia“.

6: storia, architettura e il MUSE

La storia e l’architettura moderna si incontrano a Trento attraverso il MUSE. Il Museo delle Scienze, progettato dall’Architetto Renzo Piano, è un’opera contemporanea, sostenibile a livello ambientale ed energetico, con fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza.
Un viaggio alla riscoperta dei sensi, della storia della vita, della natura alpina, delle Dolomiti e della lunga storia che ha portato i primi uomini ad abitare le nostre Alpi.

7: 10 cose da fare a Trento, anche a Natale

Visitando la città durante il periodo natalizio i mercatini sono una tappa obbligatoria.
L’atmosfera natalizia della città, le creazioni artigianali, gli stand di enogastronomia con prodotti tipici, giochi, oggettistica e tante idee regalo, deliziano vista, palato ed emozioni. Un incantevole mix di tradizione mitteleuropea. Concedetevi una passeggiata nei mercatini alla sera, con le luci delle casette e gli abeti addobbati, i profumi di candele e cibarie e magari una soffice nevicata. Un’occasione unica per assaporare la gioia del Natale. Durante il giorno sono previsti degli eventi folkloristici e un’area dedicata ai sapori di Trento. Non potete non assaggiare il vin brûlé e i canederli con lo speck.

8: lo Snowpark del Monte Bondone

Per un tuffo nella neve, gli amanti degli sport invernali possono realizzare i loro sogni allo Snowpark nel Monte Bondone. Con i suoi oltre 20 km di piste innevate è adatto sia a esperti che a principianti. Sono disponibili anche la pista di pattinaggio su ghiaccio, la scuola di sci, curling e giochi per i più piccoli. In ogni caso, il parco offre tutto l’anno tante opportunità per immergersi nella natura alpina. Dal parapendio e deltaplano alle passeggiate a cavallo, dalle arrampicate alle escursioni in mountain bike o a piedi.

9: Fuga romantica al lago di Toblino

Per una fuga all’insegna del romanticismo concedetevi una visita al lago di Toblino. A circa 15 km a ovest di Trento è circondato da vigneti, boschi e colline verdeggianti. Posto sotto tutela dalla provincia di Trento, il lago, grazie anche alla vicinanza con il Lago di Garda, crea un ambiente unico con fauna e flora di particolare importanza. Il castello medievale che domina il lago è la sede di un esclusivo ristorante per una cena indimenticabile, avvolti da un’atmosfera fiabesca.

10: la cultura enogastronomica

Non può mancare la degustazione enogastronomica.. Il passato, la storia e la cultura di Trento, si fondono in una cucina robusta, saporita, profumata, adatta ai palati più forti ma anche a quelli più delicati. Dalla carne salata di vitello, maiale o pecora essiccata, ai formaggi come il Puzzone di Moena dal sapore molto caratteristico, agli indimenticabili canederli, il brodo bruciato a base di acqua e farina e olio, polenta gialla e piatti di carne, sono tra i piatti tipici da poter assaporare. Il tutto coronato dal dolce per eccellenza: la torta di mele. Per accompagnare il palato e questa cucina tradizionale, da assaggiare, e perché no, anche da portare a casa, il Trentino offre un’ottima qualità di vini, tra cui i più famosi il Marzemino, il Merlot, il Pinot Grigio e il Müller Thürgau.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *